Dialoghi brevi

– Dagli umani mi aspetterei parole più degne, che anche un vecchio cedro come me possa approvare.

– Proprio così – sottolineo’ il faggio masticando – ma non dispero del tutto che possano rinsavire. Ho sentito un loro vecchio dire queste sagge parole ad un giovane:

” Ascolta il tuo cuore, sii forte, e mentre attendi che giunga il momento, continua a volere, con tutta l’anima e la forza d’amore, di divenire umano. L’intelligenza ti permetterà di leggere nella molteplicità degli eventi e delle cose il filo divino che le unisce”.

– Se è vero quello che dici – riprese il vecchio cedro – allora il sonno della ragione va popolandosi di sogni. Presto, cercate quel vecchio, ha bisogno di noi.

– Intanto, all’ombra del faggio un giovane scoiattolo declamava: “È tempo di generare un mondo dove libertà e giustizia si equivalgono, e costituiscano il motore della civiltà ”

– planetaria, planetaria -lo corresse il faggio maggiore.