&nbsp Le ruote del treno fischiando s’inchiodarono e…

 Le ruote del treno fischiando s’inchiodarono e di colpo la banchina fu invasa da uomini e donne d’ogni età, ognuno con il suo carico, a mano, in spalla, trascinato, spinto, pesante, ingombrante. Sotto il cappello viola, in un volto minuto e scuro di donna,  occhi agitati da una sottile brezza interiore cercavano di penetrare la folla, di separare l’uno dall’altro, di vedere nel mucchio. Così, sbriciolando la pesantezza e ruvidezza del  ‘reale’, cercavano  il confine, il punto, dove il ghiaccio si assottiglia e rompe e  luce ed ombra tratteggiano sottili sfumature del significato. Così attendevano di scoprire cosa sarebbe accaduto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.